X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

 
 
user Accesso utenti RECUPERA I TUOI DATI
 
 
 
Eventi
Seleziona regioni
RICERCA EVENTO
Aree tematiche
catalogo formazione
catalogo formazione
“La fiscalità internazionale” - la tassazione degli investimenti e dei redditi prodotti all'estero per imprese e persone - Milano
Milano - Centro Congressi Fondazione Stelline
Corso Magenta 61, Milano (visualizza la mappa) visualizza la mappa

* ACCREDITAMENTO IN CORSO
9.00-13.00/14.00-18.00
26.1.2018
PRIMO INCONTRO - 8 CFP
  • La residenza fiscale delle persone fisiche. Il suo trasferimento in Italia: le agevolazioni
    • I presupposti di legge: l’iscrizione all’anagrafe, il domicilio, la residenza. La prassi degli uffici e la giurisprudenza: i principali casi di cronaca
    • Le convenzioni contro le doppie imposizioni: il rinvio alle legislazioni interne, le “tie-break rules”, lo “split-year”, le peculiarità 
    • Il contrasto ai trasferimenti di residenza elusivi ed evasivi nel diritto interno e nei Trattati bilaterali 
    • L’azione di controllo dei Comuni e la collaborazione con l’Agenzia delle Entrate. Le liste selettive per gli scambi di informazioni su base internazionale 
    • Le agevolazioni per i trasferimenti di residenza in Italia: l’art. 24-bis del TUIR dopo la circolare 17/2017, gli altri benefici
    La tassazione delle proprietà immobiliari estere
    • I redditi degli immobili posseduti oltreconfine nella disciplina del TUIR
    • La casistica più frequente. I quadri dichiarativi
    • La potestà impositiva nei Trattati bilaterali contro le doppie imposizioni
    Il monitoraggio fiscale. Le patrimoniali estere
    • Il quadro RW: l’ambito soggettivo. I concetti di “interposta persona” e di “beneficiario effettivo” 
    • La detenzione tramite società estere, Trust e ulteriori entità: la casistica, le indicazioni ministeriali 
    • L’oggetto del monitoraggio. La sua valorizzazione. Gli esoneri oggettivi
    • Il quadro sanzionatorio. Gli istituti del “concorso di violazioni” e della “continuazione”. Il ravvedimento 
    • La gestione delle attività regolarizzate con le “Voluntary Disclosure” 
    • L’IVIE e l’IVAFE: i presupposti, la base imponibile, le modalità di versamento, gli aspetti dichiarativi
    • Esemplificazioni pratiche e dichiarative
    La residenza fiscale delle persone giuridiche. Il trasferimento di residenza
    • L’accertamento dei fenomeni di esterovestizione societaria nella prassi degli Organi di controllo 
    • Gli orientamenti giurisprudenziali più recenti 
    • Le presunzioni di residenza italiana delle holding estere e dei Trust non “white list” 
    • Il trasferimento di residenza dall’Italia: il criterio del realizzo, la rateizzazione, l’eventuale sospensione della riscossione
    • Il trasferimento di residenza in Italia: i valori fiscalmente riconosciuti ex art. 166-bis del TUIR
    Il credito d’imposta per i redditi prodotti all’estero: l’art. 165 del TUIR
    • La doppia imposizione “giuridica”: i suoi tratti fondamentali. La ratio della norma •
    • Gli elementi rilevanti ai fini del calcolo: le imposte estere, l’imposta italiana lorda e netta
    • La c.d. “per country limitation” 
    • La detrazione in dichiarazione: il principio di competenza, la definitività dell’imposta estera 
    • Il riporto indietro e avanti nel tempo delle eccedenze di imposta estera 
    • Il ruolo delle Convenzioni contro le doppie imposizioni 
    • Esemplificazioni numeriche e dichiarative
7.2.2018
SECONDO INCONTRO - 8 CFP
  • La tassazione del reddito per le prestazioni lavorative svolte all’estero
    • I redditi del dipendente e dell’amministratore residenti in Italia ma operanti all’estero 
    • La tassazione su base convenzionale: i requisiti, i calcoli, le note operative
    • Il regime dei c.d. “transfrontalieri
    • Il reddito da lavoro nelle Convenzioni contro le doppie imposizioni 
    • Il distacco di personale all’estero: le conseguenze per l’impresa italiana distaccante
    • Il dipendente italiano distaccato all’estero: cenni contributivi
    I dividendi, gli interessi e le royalties in entrata e in uscita dall’Italia. Le plusvalenze da partecipazioni
    • La disciplina italiana: la società estera “white” e quella italiana del gruppo, il socio persona fisica 
    • Le Convenzioni contro le doppie imposizioni e la loro applicazione pratica 
    • La direttiva “madre figlia” (2011/96/UE) e la direttiva interessi e canoni (2003/49/UE)
    La disciplina “Controlled Foreign Companies
    • La “CFC black” dopo la Legge di Stabilità 2016: i regimi fiscali privilegiati anche speciali
    • La “CFC white” alla luce della prassi ministeriale più recente. Il provvedimento 16.9.2016 n. 143239
    • L’applicazione: la determinazione della base imponibile, l’imputazione per trasparenza, la tassazione 
    • Le misure contro la doppia imposizione. Le possibili distorsioni 
    • Le esimenti ai fini della “CFC black” e della “CFC passive” nella prassi e nella giurisprudenza
    • Il requisito di non artificiosità per la disapplicazione della “CFC white
    • L’interpello facoltativo. Gli obblighi segnaletici in dichiarazione e le sanzioni 
    • Le ipotesi più frequenti e le modalità di relativa gestione
    I dividendi e le plusvalenze da partecipazioni in società estere “black
    • I dividendi percepiti e le plusvalenze realizzate a rischio tassazione integrale IRPEF e IRES
    • Le partecipazioni “indirette”: l’individuazione degli utili a rischio 
    • La rilevanza del periodo di maturazione dell’utile conseguito nella circolare 35/2016
    • L’esimente ad hoc e il suo riscontro nella pratica
    • L’interpello facoltativo. Gli obblighi segnaletici in dichiarazione e le sanzioni
    • Il credito d’imposta c.d. “indiretto” ai sensi dell’art. 165 del TUIR. Gli aspetti dichiarativi
14.2.2018
TERZO INCONTRO - 8 CFP
  • L’interpello internazionale
    • L’ambito applicativo. La procedura. Il possibile accordo bilaterale 
    • Le conseguenze. Il suo rinnovo
    La stabile organizzazione: i presupposti; l’opzione “branch exemption
    • La stabile organizzazione materiale: i lineamenti generali, le ipotesi positive e quelle negative
    • La stabile organizzazione personale
    • La stabile organizzazione “annidata” nella società consociata
    • Le differenze e le analogie con la fattispecie IVA 
    • Le stabili organizzazioni all’estero: l’opzione c.d. “branch exemption”, le implicazioni
    La stabile organizzazione: la determinazione del reddito, gli adempimenti
    • La determinazione del reddito: il fondo di dotazione e il patrimonio della stabile organizzazione, l’applicazione della disciplina sul “transfer pricing
    • L’applicazione delle Direttive comunitarie e delle Convenzioni bilaterali alle stabili organizzazioni 
    • Gli adempimenti delle stabili organizzazioni in Italia e di quelle oltreconfine
    • Esemplificazioni e casi pratici
    La disciplina dei prezzi di trasferimento alla luce della più recente giurisprudenza e della Manovra correttiva 2017
    • I presupposti soggettivi e oggettivi della disciplina: il perimetro applicativo, la “nuova” formulazione dell’art. 110 co. 7 del TUIR, la rilevanza del vantaggio fiscale, la ripartizione degli oneri probatori
    • Le misure contro le doppie imposizioni: le novità e le semplificazioni in tema di “corresponding adjustments
    • L’applicazione del principio “arm’s length”: i beni materiali, i beni immateriali, i servizi infragruppo, gli accordi per la condivisione dei costi: cenni. I finanziamenti infragruppo
    • La documentazione sulle politiche dei prezzi infragruppo: la stesura del Master File e della Documentazione nazionale, i profili di possibile inidoneità, le agevolazioni, i benefici